Natale, quando arriva arriva

Come nella vita privata, anche nelle aziende il Natale è un momento importante.

Il momento in cui generalmente si passa qualche ora insieme in leggerezza e si comunica, celebrando i successi, facendo il punto sul cammino dell’azienda e sui suoi risultati e parlando dei piani futuri. Attività fondamentali per rendere tutta l’azienda partecipe del presente e del futuro.

Quest’anno non sarà possibile fare nulla di persona ma non possiamo sottovalutare questo appuntamento o dimenticarcene. È essenziale ricreare un clima di incontro, scambio e confronto simile alla presenza, senza limitarci però ad interventi unidirezionali e per nulla interattivi.

In un momento difficile come questo la comunicazione interna infatti è fondamentale per condividere e rafforzare il senso di appartenenza all’azienda. Le persone subiscono le influenze di questo clima di incertezza, e magari sentono la lontananza e la solitudine: questo ha implicazioni nell’engagement e può averne anche sulla qualità del lavoro e sulla produttività.

È quindi a maggior ragione il momento di celebrare i successi e la resilienza dell’azienda che è già di per se un successo. E poi condividere i piani e progetti futuri, rendendo le persone partecipi degli obiettivi e del purpose dell’organizzazione per facilitare una visione di lungo periodo ed un’idea costruttiva di futuro.

Tutto questo senza limitarci però ad interventi standard, unidirezionali e senza un po’ di leggerezza. Fondamentale proprio quest’anno non perdere il lato umano e un po’ di divertimento. Si possono organizzare hangout sociali in cui fare cose insieme, anche insolite come sessioni di yoga o di danza o tutorial messi a disposizione dai più bravi in alcuni “topics natalizi”; come addobbare la casa fai da te.

Oppure creare vere e proprie trasmissioni televisive in cui trattare argomenti seri ma anche leggeri come un quiz sui temi aziendali. Oppure trovare un collega che è disposto a mostrare il suo lato umano più vero e raccontare ad altri le come ha superato i suoi problemi.

In questo Natale particolare, infine una considerazione sulle aziende che prima erano solo concorrenti nel mercato e oggi invece si stanno supportando l’un l’altro nei confronti dei clienti.

Per loro un Natale virtuale da celebrare insieme è la riconferma che nessuno si salva da solo e che dando insieme voce alle aziende possono essere più forti.

Buon Natale, Elisabetta